L’isolata cittadina nel deserto del Nevada Perfection è invasa da terribili vermoni giganti che si muovono nel sottosuolo. La coppia di tuttofare Val (Kevin Bacon) ed Earl (Fred Ward) si ritroveranno nel ruolo di improbabili eroi.

Il film di cui parlerò oggi rappresenta un “Time Warp personale” nel mio passato: Tremors.
La pellicola diretta da Ron Underwood rientra infatti in quella cerchia di piccoli grandi cult – insieme a L’armata delle tenebre e I nuovi eroi – che avevano conquistato l’immaginario di quasi la totalità della mia classe delle elementari.
Puro genere dei primi anni ’90, infarcito di azione, mostri e ironia; film trasmessi in seconda serata su Italia 1 – riportanti spesso il bollino rosso del vietato ai minori – e religiosamente registrati su VHS programmando il videoregistratore.
Questo creava un mercato clandestino di scambi di cassette tra compagni di classe, pronti a condividere con tutti l’ultima scoperta esaltante proveniente da Hollywood.
Tutti, ma proprio tutti, guardavamo questi film consumandone i nastri, che passavano di mano in mano.
Nelle ore di ricreazione tutti a parlarne e a ripetere in coro le battute più iconiche: “Salve Signore dalle strane mutande, in questo momento sei il capo di due sole cose. Del cazzo e della merda, e anche di quelli per poco” o, per citare proprio Tremors, “Sai volare testa di cazzo!?! Sai volare testa di cazzo!?!”.

Come vi immaginate la genesi alla base dell’idea di Tremors?
Io la immagino simile a quanto avvenuto per Il mostro della laguna nera (il produttore William Alland, invitato ad una cena, sentì la leggenda dell’uomo pesce dell’Amazzonia e decise di applicarla al canovaccio di King Kong).
Immagino giovani sceneggiatori squattrinati a cui viene l’idea di trasporre il classico spielbergiano Lo squalo nel contesto desertico della frontiera americana.
Questo è Tremors: un divertente horror (ma non troppo, il film uscì infatti con un rating PG-13 vista la moderata violenza), dai toni fortemente ironici (grazie soprattutto agli scambi di battute tra i due protagonisti da buddy film), dove una piccola cittadina, uscita da un western, è stretta d’assedio da degli “squali di terra” (gente arroccata sui tetti delle case che cerca di sopravvivere vs i ragazzi rifugiatisi sulle barche ne Lo squalo 2).

Tremors
Parallelismi.

Tremors offre del puro divertimento cazzone, tra battute memorabili e alcuni buoni momenti di tensione, il tutto impreziosito da effetti pratici niente male.

Scrivi un commento

it_ITItalian
it_ITItalian