Il marinaio Johnny Drake (un giovane Dennis Hopper, qui nel suo primo ruolo da protagonista) si innamora dell’enigmatica Mora (Linda Lawson), ragazza che interpreta la sirena in uno spettacolo del luna park locale.
Scoprirà che la sua amata è davvero convinta di essere una creatura del mare, e potrebbe aver ucciso due precedenti spasimanti.

Nicolas Winding Refn (Bronson, Drive, The Neon Demon) è un regista che ama spasmodicamente certo cinema bizzarro – exploitation, opere avanguardiste, esperimenti di genere – proveniente dagli anni ’60 e ’70.
Questo suo amore lo ha portato ad adoperarsi per la preservazione e la distribuzione di alcuni di questi titoli, introvabili e semisconosciuti, grazie ad una collaborazione con BUREAU (compagnia inglese) e Harvard Film Archive.
La collaborazione succitata ha portato alla nascita di byNWR, piattaforma online che offre la possibilità di visionare queste pellicole, debitamente restaurate, a titolo totalmente gratuito.
Night Tidefilm del 1961 che da noi ha visto solo il passaggio televisivo su canali satellitari – è uno di questi piccoli gioielli perduti.

Primo lungometraggio di Curtis Harrington (prima critico, poi regista di alcuni corti sperimentali e in seguito di film come Assassinio al terzo piano), Night Tide si rifà alle suggestive atmosfere di classici del cinema thriller, e dell’orrore, come Il bacio della pantera di Jacques Tourneur.
Night Tide, cupa fiaba onirica sceneggiata dallo stesso regista, si ispira al poema di Edgar Allan Poe Annabel Lee (alcuni versi sono citati esplicitamente nel finale).
La narrazione dilatata – forse con qualche lungaggine di troppo – è sconquassata da improvvise impennate visionarie, dove il sogno si confonde con la realtà.
Nonostante la regia a tratti acerba, Harrigton riesce a costruire un intrigo ambiguo e affascinante, dove il dubbio sulla natura di Mora – sulla presenza dell’elemento sovrannaturale – gioca un ruolo centrale.
Un film che è anche una storia d’amore, una storia di persone tristi che precipitano verso un tragico destino – di origine magica o presunta – sottolineato dalla continua presenza del mare (in lunghe inquadrature, o solo attraverso il suo suono, richiamo che tanto ossessiona Mora).

Night Tide
La “presunta” sirena Mora (Linda Lawson).

Night Tide è un’opera conosciuta a pochi che vale la pena di recuperare, un’intrigante love story fanta-horror.
Per chi apprezzasse, recuperate anche il recente piccolo cult Spring.

Scrivi un commento

it_ITItalian
it_ITItalian